Vegane pflanzliche Drinks - Alternativen bei Laktoseintoleranz
Settembre 28, 2020

Intolleranza al lattosio: sintomi, cause e trattamento

By Alessandro

Se sei intollerante al lattosio, il lattosio contenuto nel latte, nella panna e in altri prodotti lattiero-caseari non dovrebbe essere tollerato. Ma non preoccuparti: non devi andare senza lattosio per tutta la vita. Il numero e la corretta composizione dei pasti è fondamentale.

Circa 10.000 anni fa, quasi tutti soffrivano di intolleranza al lattosio: anche i primi allevatori in Europa ad allevare mucche erano intolleranti al lattosio. Fu solo quando l’allevamento del bestiame divenne più diffuso e la produzione di latte aumentò che le persone si abituarono al lattosio, specialmente nel Nord Europa. Il suo intestino produce più lattasi, un enzima senza il quale il corpo non può digerire lo zucchero del latte. Tuttavia, oggi lo zucchero del latte è ancora lontano da tutti gli altri: l’intolleranza al lattosio è l’intolleranza più comune al mondo.

Che cos’è il lattosio?

Il lattosio, noto anche come zucchero del latte, è composto da due molecole di zucchero: glucosio (glucosio) e galattosio (zucchero viscido). Il lattosio si trova nel latte dei mammiferi e nei prodotti lattiero-caseari come yogurt, ricotta, crema di formaggio e formaggio. Nell’infanzia, lo zucchero del latte è l’unica fonte di carboidrati che ingeriamo attraverso il latte materno. Aiuta a costruire la flora intestinale e aiuta l’assorbimento del calcio per costruire la massa ossea.

Sapevi che il latte materno contiene più lattosio del latte vaccino?

Quantità di lattosio negli alimenti selezionati

Prodotti selezionati Contenuto di lattosio in grammi per 100 grammi
Latte 4.8
Ricotta a basso contenuto di grassi 4.1
Yogurt al naturale 4,0
Formaggio fuso 8.9
Crema di formaggio 3.4

Buono a sapersi: il formaggio contiene pochissimo lattosio, specialmente il formaggio a pasta dura. Nella produzione di varietà come Appenzeller, Emmentaler e Parmigiano, i batteri dell’acido lattico scompongono il lattosio in glucosio e galattosio.

Cosa succede al lattosio nell’intestino?

Il rivestimento dell’intestino tenue è la porta attraverso la quale i nutrienti entrano nel nostro flusso sanguigno. Tuttavia, molecole di grandi dimensioni come diversi zuccheri, proteine ​​e grassi non possono superare questa barriera. Di conseguenza, gli enzimi scompongono le molecole nei loro componenti, che poi entrano nel flusso sanguigno: in zuccheri semplici, in amminoacidi e acidi grassi. Le cellule della mucosa dell’intestino tenue formano l’enzima lattasi: scompone il lattosio in due parti separate: glucosio e galattosio, che possono entrare nel flusso sanguigno.

Buono a sapersi: se gli alimenti ricchi di lattosio sono ricchi di grassi o fibre, il lattosio si decompone lentamente.

Laktoseintoleranz in Deutschland und China

Intolleranza al lattosio

A livello globale, il 75% della popolazione adulta mondiale soffre di intolleranza al lattosio. In Svizzera, secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica, uno su cinque soffre. L’intolleranza di solito si manifesta attraverso disturbi gastrointestinali.

Sapevi che ci sono meno persone intolleranti al lattosio nel nord Europa rispetto al sud?

Cosa succede se sei intollerante al lattosio?

Se soffri di intolleranza al lattosio (intolleranza al lattosio), il tuo corpo è privo o privo dell’enzima lattasi: il lattosio lattosio non viene scomposto e migra nell’intestino tenue nell’intestino crasso.

I batteri situati nel colon attaccano il lattosio, che serve da cibo per loro. I batteri formano acidi grassi e gas a catena corta, comprese grandi quantità di anidride carbonica, metano e idrogeno. L’anidride carbonica aumenta il volume dello stomaco, il metano altera la respirazione (alitosi) e gli acidi grassi possono causare diarrea.

L’intolleranza al lattosio non significa che anche una piccola quantità di lattosio possa causare disturbi: la maggior parte delle persone con intolleranza al lattosio può tollerare fino a 15 grammi di lattosio al giorno. Ciò corrisponde a un bicchiere di latte e una porzione di yogurt.

Qual è la differenza tra intolleranza al lattosio e allergia al latte?
L’intolleranza al lattosio e l’allergia al latte hanno fattori scatenanti e sintomi diversi.

Intolleranza al lattosio Milchallergie
Arte Intolleranza Allergia alimentare
Indurre sintomi Lattosio (zucchero del latte) Proteine ​​del latte: caseina, siero di latte
Motivo Deficit dell’enzima (lattasi) Risposta immunitaria (produzione di anticorpi)
Reclamo Gastrointestinale Tratto gastrointestinale, pelle, respirazione

Intolleranza al lattosio – Cause

Più invecchiamo, meno lattasi si forma il nostro intestino: questo è un fenomeno naturale fissato nei nostri geni. Parlano di deficit primario di lattasi o ipolattasia. Neonati e bambini piccoli producono una quantità sufficiente di lattasi durante l’allattamento. Una volta iniziata la dieta familiare, la produzione di lattasi diminuisce lentamente. Gli adulti sono generalmente più inclini all’intolleranza al lattosio rispetto ai bambini.

Le malattie che colpiscono l’intestino tenue possono ridurre la produzione di lattosio (deficit secondario di lattasi). Questi includono la celiachia, la colite ulcerosa e il morbo di Crohn. I bambini hanno anche un rischio maggiore di sviluppare intolleranza al lattosio se soffrono di problemi gastrointestinali.

In rari casi, il deficit di lattasi può essere congenito (deficit congenito di lattasi). Possono verificarsi problemi di crescita se questo disturbo non viene riconosciuto e trattato in tempo.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

I reclami spesso compaiono entro 30 minuti o un paio d’ore dopo aver consumato cibi ricchi di lattosio. Devi scoprire da solo quanto lattosio puoi tollerare. In genere, le persone con intolleranza al lattosio tollerano piccole quantità senza sintomi. Possono comparire i seguenti sintomi:

  • Flatulenza, diarrea, costipazione
  • Crampi addominali
  • Nausea, vomito
  • Mal di testa

Buono a sapersi: non devi essere intollerante al lattosio per sentire disturbi gastrointestinali dopo aver consumato latte e latticini. Se consumi più di 25 g di lattosio alla volta (ad esempio, 500 millilitri di latte vaccino), anche se hai abbastanza lattasi nel tuo corpo, questi sintomi possono manifestarsi anche senza intolleranza.

Test dell’intolleranza al lattosio

Lo stomaco non fa quasi rumore dopo un bicchiere di latte o pane al formaggio, alcune persone pensano di non tollerare lo zucchero del latte. Tuttavia, è meglio non lasciare questi alimenti sulla base di semplici supposizioni, rischiando carenze nutrizionali. Invece, puoi ottenere una risposta rapida e indolore con un test di intolleranza al lattosio.

Come funziona un test di intolleranza al lattosio?

Il test del respiro è il gold standard per la diagnosi dell’intolleranza al lattosio. Per il test, prendere una soluzione contenente lattosio e fornire campioni di gas respiratorio prima e dopo. Questi campioni di respiro misurano le concentrazioni di idrogeno e metano, che si formano sempre più nei casi di intolleranza.

I campioni di respiro vengono prelevati più volte dopo che la soluzione contenente lattosio è stata prelevata.

Il test di intolleranza al lattosio cerascreen® è un autotest per la casa. Dopo aver consumato una soluzione contenente lattosio, somministrare un campione di gas respiratorio ogni 30 minuti. I campioni vengono prelevati a stomaco vuoto. Dopo il campionamento, cinque campioni di gas respirabile vengono inviati al laboratorio. Il laboratorio misura la concentrazione di idrogeno e metano nell’aria che respiriamo. Se sei intollerante al lattosio, l’intestino produce entrambi i gas in grandi quantità dopo aver mangiato cibi contenenti lattosio.

Tieni presente che la valutazione di un campione di gas respirabile non predice mai quanto lattosio può essere assunto. Devi scoprirlo da solo!

Intolleranza al lattosio – Terapia

Se ti viene diagnosticata un’intolleranza al lattosio, questo non significa che dovrai rinunciare ai latticini per tutta la vita: nel tuo menu sono consentite piccole quantità! La giusta combinazione di nutrienti può aiutare anche te.

Wie viel Milchprodukt vertrage ich mit Laktoseintoleranz

Come ti senti riguardo all’intolleranza al lattosio?

Dopo la diagnosi, si verifica un cambiamento nella dieta, che si verifica in tre fasi. Il primo passo è alleviare i sintomi. Nella seconda fase scoprirai quanto lattosio puoi assumere senza sintomi. Il terzo e ultimo passaggio consiste nel determinare cosa è meglio mangiare.

  • Fase (congedo di maternità)
    Evitare cibi contenenti lattosio durante questa fase. L’obiettivo è eliminare il più possibile i reclami. Si consiglia di evitare gli alcoli zuccherini come il sorbitolo, lo xilitolo, il maltitolo e l’isomalto poiché possono anche causare sintomi. Per aiutare a proteggere l’intestino, i nutrizionisti consigliano un alimento facile da digerire: cibi leggeri e integrali. Eviti legumi, cavoli, cibi fritti, cipolle e cibi altamente trasformati. Il periodo di attesa non dovrebbe superare le due settimane.
  • Fase (fase di prova)
    Quindi, nella fase di prova, introduci lentamente nella tua dieta alimenti contenenti lattosio: ad esempio, puoi iniziare con un pasto con 50 millilitri di latte e aumentare gradualmente la quantità fino a 250 millilitri. L’obiettivo è scoprire la tua tolleranza individuale, scoprire quali cibi puoi mangiare, in quali quantità, senza sintomi. Se i reclami si verificano dopo un determinato importo, interrompere il test. Con la giusta combinazione di cibo, puoi anche salvare il tuo intestino. Combina cibi ricchi di lattosio con fibre, come cereali integrali, frutta o verdura, e fonti sane di grassi, come pesce d’acqua fredda, oli vegetali o noci. Il lattosio viene rilasciato nell’intestino tenue più lentamente in modo che gli intestini non vengano sovraccaricati altrettanto rapidamente. Puoi iniziare la prova per sei settimane.
  • Fase (potenza continua)
    L’ultimo passaggio consiste nel determinare l’alimentazione costante. Il tuo programma alimentare dovrebbe coprire le tue esigenze nutrizionali a lungo termine senza causare disagio. Dopo la fase di test, saprai approssimativamente quanto puoi facilmente assumere con i latticini. Se stai rispondendo a quantità minime, dovresti attenersi a una dieta priva di lattosio.In genere, la maggior parte delle persone tollera dai 10 ai 15 grammi di lattosio senza alcun sintomo. Se devi rinunciare a determinati alimenti, puoi passare ad alternative senza lattosio come il latte senza lattosio.

Lo sapevi? Secondo uno studio del 2018 della rivista spagnola Nutrition hospitalaria, il 99% di tutti i prodotti intolleranti al lattosio tollera i prodotti a base di latte fermentato come kefir e yogurt, perché i batteri dell’acido lattico che contengono scompongono il lattosio.

In una sintesi delle prove scientifiche della rivista Nutrients, è stato studiato come le persone con intolleranza al lattosio non evitino completamente il lattosio. Risultato: hanno ancora meno reclami rispetto a coloro che eliminano completamente il lattosio dalla loro dieta.

Quali alimenti contengono lattosio?

Il lattosio si trova principalmente nel latte e nei latticini come ricotta, formaggio, crema di formaggio, mozzarella e yogurt. Oltre al latte vaccino, quello di pecora e di capra contiene lattosio e dovrebbe essere evitato se si è intolleranti. Il lattosio si trova anche nei seguenti alimenti:

  • Pane, prodotti da forno
  • Piatti pronti, zuppe istantanee, sughi pronti, cibo in scatola
  • Dolciumi, miscele di cereali
  • Salsicce
  • Margarina, crema spalmabile

Quali alimenti sono senza lattosio?

Vegane pflanzliche Drinks - Alternativen bei Laktoseintoleranz

Naturalmente privi di lattosio sono generalmente cibi vegetariani. Questi includono bevande e yogurt, che sono a base di ingredienti vegetali come soia, avena, mandorle, cocco e riso.

Puoi anche trovare molti alimenti contenenti lattosio appositamente realizzati al supermercato. L’enzima lattasi è stato aggiunto a questi alimenti in modo che il lattosio venga scomposto. Gli alimenti senza lattosio hanno un sapore dolce perché le molecole di zucchero glucosio e galattosio sono in forma libera. Pertanto, di solito non contengono zuccheri aggiunti.

Poiché gli alimenti senza lattosio sono molto caldi, contengono pochissimi probiotici rispetto al latte normale, che svolgono un ruolo importante nella nostra flora intestinale. I ricercatori stanno discutendo se gli alimenti senza lattosio possano avere effetti dannosi sulla nostra flora intestinale, poiché il lattosio è un nutriente essenziale per i batteri intestinali.

Anche se oggi il mercato dei prodotti senza lattosio è in forte espansione, non è necessario sostituire tutti i prodotti lattiero-caseari con opzioni senza lattosio. Ad esempio, alcuni formaggi e oli sono a basso contenuto di lattosio. In generale, più il formaggio è pesante, meno lattosio contiene. I formaggi a basso contenuto di lattosio includono:

  • Appenzeller
  • Emmentaler
  • Cheddar
  • formaggio di montagna
  • Parmigiano

Buono a sapersi: tutti gli alimenti con meno di 0,1 g di lattosio per 100 g possono essere etichettati come senza lattosio! I prodotti etichettati “Può contenere tracce di lattosio” possono essere consumati perché il contenuto di lattosio è molto basso.

Compresse di lattasi

Se non hai abbastanza lattasi nel tuo corpo, puoi usare le pillole per non rinunciare a cibi contenenti lattosio. Le compresse contengono lattasi, che si ottiene dai batteri. Prendi una compressa prima di mangiare qualcosa che contenga lattosio. Devi capire da solo quante pillole devi prendere perché funzionino. Ma: l’assunzione di pillole di lattasi non dovrebbe essere una condizione permanente. Se li prendi costantemente, può ridurre ulteriormente l’attività residua della tua lattasi nel corpo. Una delle possibili conseguenze: tolleri il cibo con lattosio anche peggio di prima della fase di test.

Intolleranza al lattosio e al calcio

Questo è un detto noto: il latte rafforza le ossa e le mantiene forti. C’è qualcosa lì dentro, a causa del calcio nel latte. È importante per la costruzione di ossa e denti, movimento muscolare e flusso sanguigno. La carenza di calcio può causare malattie ossee come osteoporosi, carie e problemi cardiaci.

Il calcio si trova sia nel latte normale che in quello senza lattosio. In alternativa, puoi utilizzare le seguenti fonti di calcio senza lattosio:

  • Soia, avena, riso e altre alternative a base di latte vegetale con integrazione di calcio
  • Broccoli, finocchi, cavoli
  • Acqua minerale

Ricerca all’avanguardia sul trattamento dell’intolleranza al lattosio

I ricercatori stanno ora esaminando più da vicino l’effetto dei batteri intestinali sul trattamento dell’intolleranza al lattosio. L’attenzione si concentra sui batteri che formano la lattasi e quindi possono migliorare. Questi includono batteri del genere Bifidobacterium lactis e Lactobacillus acidophilus.

Ricerca della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America. Dal 2017 è stato studiato l’effetto della terapia con farmaci galattooligosaccaridi. I farmaci hanno influenzato la flora intestinale in modo tale che i partecipanti allo studio fossero meglio tollerati dal lattosio.

In breve: intolleranza al lattosio

Cos’è l’intolleranza al lattosio?

Senza l’enzima lattasi, il nostro intestino tenue non può decomporsi e utilizzare il lattosio lattosio. Invece, il lattosio entra nel nostro colon dove i batteri lo scompongono. Il risultato sono disturbi gastrointestinali.

Quali sono le cause dell’intolleranza al lattosio?

Naturalmente possiamo tollerare meno lattosio con l’avanzare dell’età, poiché l’attività della lattasi diminuisce gradualmente dal momento dello svezzamento. Il livello di intolleranza varia da persona a persona. Le malattie intestinali come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa possono danneggiare il rivestimento dell’intestino tenue e quindi ridurre la produzione di lattasi.

Come verificare l’intolleranza al lattosio?

Si consiglia di eseguire un breath test all’idrogeno per diagnosticare l’intolleranza al lattosio. Dopo e immediatamente prima di utilizzare la soluzione a base di lattosio, somministrare diversi campioni di gas respirabile. Se vengono misurate grandi quantità di idrogeno e metano, esiste la possibilità di intolleranza al lattosio.

Come ti senti riguardo all’intolleranza al lattosio?

Evita cibi contenenti lattosio per due settimane per alleviare i sintomi. Quindi aggiungi lentamente latte e latticini alla tua dieta e vedi quanto riesci a tollerare senza sintomi. Sulla base di questa conoscenza, definisci pasti coerenti e pianifichi i tuoi pasti in base alle tue esigenze e senza lamentarti.